Verifica della preparazione iniziale

TEST ACCERTAMENTO CONOSCENZE IN INGRESSO

L'accertamento delle conoscenze in ingresso al CdS consiste in un test non selettivo ma obbligatorio per tutti i nuovi iscritti e non pregiudica in alcun modo l'immatricolazione.

La prova è composta da 25 domande a risposta multipla (4 risposte selezionabili) che verteranno sugli argomenti di cultura generale, informatica di base e lingua inglese ed il test si considera superato rispondendo positivamente ad almeno 13 quesiti nel tempo di 30 minuti; i quiz che compongono ogni singolo test sono estratti casualmente da un database di 500 domande predisposte dai docenti della Scuola.

Un primo test per l'accertamento delle conoscenze in ingresso si svolgerà lunedì 3 ottobre 2016 alle ore 16.30 nell'aula Arangio-Ruiz della Scuola di Giurisprudenza presso il Palazzo Ducale.  Per gli studenti che, a seguito del test di accertamento avranno evidenziato lacune nelle conoscenze in ingresso, è previsto un ulteriore test, il 20 febbraio 2017 alle ore 15.00 presso l'aula 2 della Scuola di Giurisprudenza, in Via D'Accorso.

Nel caso in cui la prova non sia stata superata positivamente, lo studente può sostenere le attività formative equivalenti previste come fondamentali nel Piano di studi individuate:

  • per il Corso di laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza negli esami di Istituzioni e Storia del Diritto Romano o Storia del  Diritto Medievale e Moderno o Diritto Costituzionale o Diritto Privato I;
  • per il Corso di Laurea in Scienze sociali per gli enti non profit e la cooperazione internazionale negli esami di Storia delle dottrine politiche o Storia dell'economia civile o Diritto Costituzionale o Storia Contemporanea.

Fin quando lo studente non soddisfa gli obblighi formativi aggiuntivi non superando la verifica iniziale o, in alternativa, non superando positivamente l'esame di un'attività formativa equivalente, non può sostenere esami degli anni successivi al primo e viene iscritto come studente ripetente (l'iscrizione agli esami per le attività formative degli anni successivi è subordinata al superamento degli obblighi formativi aggiuntivi).